Definizione di psicoterapia

(Da “Enciclopedia di Psicologia”, Umberto Galimberti, Garzanti 1999). Processo interpersonale, consapevole e pianificato, volto ad influenzare disturbi del comportamento e situazioni di sofferenza con mezzi prettamente psicologici, per lo più verbali, ma anche non verbali, in vista di un fine elaborato in comune, che può essere la riduzione dei sintomi o la modificazione della struttura della personalità, per mezzo di tecniche che differiscono per il diverso orientamento teorico a cui si rifanno.

Con la parola psicoterapia - etimologicamente "cura dell'anima" - si definisce una tecnica della psicologia clinica per la modificazione stabile di diversi disturbi. Si tratta di un processo terapeutico della psiche realizzato con strumenti psicologici - la parola, l'ascolto, il pensiero, il comportamento, la relazione con il terapeuta - nella finalità del cambiamento consapevole di uno stile di pensiero o dell'apprendere ad affrontare, con le proprie risorse, le vicende della propria vita.


A differenza di altri tipi di psicoterapia, la Terapia Cognitivo Comportamentale ha il proprio focus sul presente, è breve (si sviluppa nel corso di mesi, non di anni) ed è più orientata alla risoluzione dei problemi attuali, esplorando le cause prossime e remote e soprattutto le ricadute che queste cause rappresentano nella vita psichica della persona. I clienti apprendono alcune specifiche abilità che possono poi utilizzare per il resto della vita. Esse riguardano l’identificazione di modi non funzionali di pensare, la modificazione di convinzioni irrazionali o non efficaci per l'equilibrio della persona e il cambiamento di comportamenti disadattivi. Una caratteristica importante è che la TCC poggia su una base sperimentale e un metodo scientifico, e la sua efficacia nel trattamento di numerosi disturbi psicologici è stata convalidata empiricamente in numerosissimi studi a livello internazionale.