Video sedute

Aspetti come la distanza o la difficoltà iniziale a presentarsi di persona agli incontri non devono essere un ostacolo alla richiesta di aiuto, consulenza o terapia.

A prima vista può sembrare utile utilizzare a questo scopo un programma di videoconferenza come Skype; negli Stati Uniti, dove questa modalità terapeutica è grandemente utilizzata da molto tempo, Skype non viene più utilizzato dagli psicologi e psicoterapeuti, perchè non possiede i requisiti di sicurezza necessari per rispettare gli standard HIPAA /(Health Insurance Portability and Accountability Act) e perchè sconsigliato dalle linee guida dell'American Psychological Association.

In Italia non ci sono ancora limitazioni formali all'utilizzo di Skype per le consulenze online da parte dell'Ordine degli Psicologi. Ciò nonostante, per lavorare con serenità e sicurezza il professionista deve dotarsi di una struttura che consenta di avere il pieno controllo di aspetti come l'identificazione del cliente, la privacy, la garanzia di riservatezza nella trasmissione dati, il trattamento e la custodia dei dati sensibili.

Il paziente a sua volta ha il diritto di sentirsi protetto e tutelato dal corretto utilizzo di una strumentazione idonea (hardware e software) per poter effettuare consulenze psicologiche online in totale sicurezza, nel pieno rispetto del codice deontologico, degli standard HIPAA e con la piena tutela dell'interazione con il terapeuta.

Personalmente mi avvalgo per le videoconsulenze della piattaforma specializzata Secure Conference, predisposta ad hoc da PsicologiOnline.

Visita la mia scheda su PsicologiOnline.net:

https://www.psicologionline.net